Come Digiunare

Come digiunare? E se ti dicessi che sai già farlo, mi prenderesti per pazzo?

Come digiunare

Come si fa? Come digiunare? L’immagine provocatoria che vedi a fianco è la prima che viene in mente a molti quando si parla di digiuno. Non è stato lo stesso per te?

Digiuno e fame sembrano due sinonimi, dove l’idea comune è che quando inizi col primo (il digiuno) ecco che ti bussa subito allo stomaco il secondo (la fame).

Ma come non è così? Ti starai chiedendo. No, certo che no! La verità è che più passa il tempo dopo che ha mangiato cibo solido, e meno avvertirai i cosiddetti sintomi della fame.

Mi riferisco a quel disagio al tuo stomaco, che diventa anche dolore, dopo qualche ora che hai fatto l’ultimo pasto. Al mal di testa, alla sensazione di debolezza che provi, all’incapacità di portare avanti qualsiasi attività se prima non metti qualcosa sotto i denti. A questi sintomi mi riferisco.

La differenza che corre tra smettere di alimentarsi e digiuno l’ho spiegato nell’articolo Dieta del Digiuno.

Come digiunare prevede che tu segua questi 7 punti con grande attenzione:

  • Pianifica sul calendario il miglior giorno per cominciare.
  • Evita di iniziarlo come risposta ad un pasto abbondante (tipo pranzo di Natale!).
  • Segui una dieta soprattutto a base di frutta e verdura qualche giorno prima.
  • Bevi succhi e molta acqua durante i primi giorni.
  • Fermati al terzo giorno se sei al tuo primo digiuno.
  • Mangia tanta verdura e/o frutta (quella per te più lassativa) quando interrompi il digiuno.

Come digiunare, pianificalo sul tuo calendario.

Un progetto che non viene scritto, quasi mai si realizza. Sono stato anche buono, perchè chi mi ha insegnato questa frase era più categorico, dicendomi: “…mai si realizza!”.

Se lo metti in agenda come una scadenza importante, riesci anche a crearti una piccola strategia di successo. Per esempio iniziare di venerdì, ti permette di fare i primi giorni durante il fine settimana e se ti

come digiunare calendario

Foto di Estée Janssens su Unsplash

si presenta la stanchezza puoi anche coricarti qualche minuto in qualsiasi momento.

Se c’è un ponte con qualche giorno di vacanza, o se hai programmato delle vacanze più lunghe, organizzare l’inizio del digiuno sfruttando quei giorni di maggior relax ti può rendere l’esperienza molto più piacevole. Quindi scrivi in agenda o sul calendario quando vuoi iniziare.

Come digiunare: evita di iniziare come risposta ad un pranzo abbondante.

come digiunare pranzo abbondante

Foto di Ashley Green su Unsplash

Dopo un pranzo come quello della foto (o peggio!) la quantità di tossine che si libererebbero nel tuo sangue con l’inizio del digiuno, ti scatenerebbero una serie di reazioni avverse e poco raccomandabili. Se leggi l’articolo Dieta del Digiuno ti racconto come funziona questo meccanismo.

I sintomi della fame in realtà sono dovuti alla disintossicazione che il tuo corpo mette in atto per liberarsi dalle tossine.

Se stai pensando che c’è di tossico in un cibo come quello della foto, ti rispondo chiedendoti, cosa c’è di NON tossico in un alimento come quello?

Come digiunare: mangia ai pasti (solo) tanta frutta e verdura.

Sì, se riesci anche solo frutta e verdura. Il peggior nemico del tuo corpo all’inizio del digiuno è la detox (disintossicazione), per la precisioni i sintomi che questa genera.

Quindi la verdura cruda a foglia verde e la frutta fresca di stagione, meglio se biologica, sono degli alimenti fortemente disintossicanti.

Io l’erba non la mangio, perchè non mi sazia e non mi da energia!

Questo me lo diceva qualche tempo fa un simpatico ragazzo che lavora come taglialegna nei boschi. Il trucco è di renderla appetitosa, vedi le Ricette della Dieta del Digiuno e di mangiarla a sazietà. Sarà la tua scopa intestinale ed inizierai a disintossicarti senza creare un picco di tossine che si riversano nel tuo sangue all’inizio del digiuno.

A me la frutta mi gonfia l’intestino, non riesco a mangiarla!

Allora nutriti con sola verdura. L’intestino che ti si gonfia mangiando frutta può essere dovuto a tre motivi:

  1. la assumi a fine pasto.
  2. l’intestino è intasato o non si svuota completamente quando defechi.
  3. un misto tra i due punti precedenti.

Ebbene sì, la frutta va mangiata davanti ai pasti (meglio come unico pasto), almeno 15 minuti prima. La digerisci rapidamente, corre nell’intestino a tutta velocità, se gli metti davanti un tappo come cibo lento a digerirsi, è normale che cominci a sentire borbottii e rigonfiamenti.

Inoltre il fruttosio è un potentissimo sciogli tossine. Se hai l’intestino (passami il termine) incrostato da anni di alimentazione scorretta, come introduci della frutta il minimo che succede è che si gonfia per via dei gas che si creano nel processo di eliminazione delle incrostazioni.

La responsabilità non è della frutta ma da ciò che hai attaccato alle pareti del tuo intestino.

Questo passaggio puoi farlo tre giorni prima di iniziare il tuo digiuno, ma sarebbe meglio una settimana.

Come digiunare: bevi succhi e molta acqua mentre digiuni.

I succhi li assumi a posto dei pasti, rallentano la detox e ti danno minerali e vitamine lasciando comunque a riposo l’intestino. La peristalsi rallenta o si ferma del tutto (non vai più in bagno).

I succhi migliori sono quelli appena estratti o spremuti, vedi l’articolo Ricette della Dieta del Digiuno. Vanno bene anche quelli confezionati, ma assicurati che siano senza zuccheri aggiunti, biologici ed al naturale.

Di acqua bevine almeno due litri al giorno. Alla mattina appena ti sei alzata od alzato, consumane fino a 600 ml, meglio se calda (ma non bollente).

Riduci al minimo il consumo di caffè (se riesci prova a sospenderlo), il tuo organismo durante il digiuno è nella fase di disintossicazione e potrebbe diventare più sensibile alla caffeina.

Se invece della sola acqua, preferisci le tisane ed infusi (freddi o caldi), vanno benissimo anche loro.

Quindi, bevi più acqua alla mattina, dissetati coi succhi ai pasti ed arriva almeno a tre litri di liquidi ingeriti (acqua+succhi).

Come digiunare: fermati al terzo giorno, se stai provando il tuo primo digiuno.

come digiunare stop

Il digiuno puoi interromperlo quando vuoi. Se i disturbi sono insopportabili è suffciente che segui l’ultimo punto, di questo articolo e puoi smettere di digiunare in qualsiasi momento.

Se invece i primi fastidi li superi agevolmente ti suggerisco, comunque di interrompere il digiuno al terzo giorno se sei alla tua prima esperienza.

Quando avrai digiunato per tre giorni, riprogrammati un altro digiuno a distanza di almeno 15 giorni e puoi provare ad arrivare a 5 o 7 giorni senza cibo solido, poi anche se stai bene, interrompilo.

Allunga i giorni di digiuno per tentativi successivi, in modo da non provocare bruschi cambiamenti al tuo corpo. Con un lungo digiuno (sopra le due settimane) potresti arrivare a perdere sino a 20 kg di peso corporeo. Farlo come primo tentativo potrebbe metterti in seria difficoltà.

Come digiunare: interrompilo mangiando verdura e/o frutta lassativa.

Bene, hai fatto 3, 4, 5, 7 o più giorni senza ingerire cibo solido e adesso è il momento di riprendere a mangiare.

La maggior parte dei digiunatori lo fa poco alla volta, reintroducendo i nutrimenti con lo stesso tempo che è durato il digiuno. Io ti suggerisco il metodo di Arnold Ehret.

Nutriti a sazietà con verdura a foglia verde (ti ricordi? La scopa intestinale!). Entro due o tre ore devi andare in bagno.

come digiunare interruzione

Se questo non succede, allora mangia della frutta fresca di stagione, evitando di mangiare tanti tipi diversi. Per esempio pere, mele, uva, more, mirtilli…

Scegli uno o due frutti che sai essere lassativi per te.

Prima liberi l’intestino dalle feci (e tossine) accumulate durante il digiuno e meglio è per tutto il tuo corpo. Vedrai che senso di liberazione.

Nei giorni successivi continua a prediligere pasti a base vegetale, così mantieni il tuo corpo leggero, sfruttando il vantaggio che raggiungerai la sazietà con meno cibo e la fame la sentirai meno rispetto a prima.

Come digiunare in realtà lo sai già fare (e non sono pazzo! Eh! Eh! Eh!). Infatti tra un pranzo e l’altro il tuo corpo digiuna. Il trucco sta nell’aumentare il tempo tra un pasto e l’altro senza che compaiano tutti i sintomi della fame.

Nella Dieta del Digiuno ti spiego come allungare a tuo piacimento questo intervallo di tempo. Se vuoi conoscere tutti i segreti, allora iscriviti adesso al webinar gratuito li ho scoperti in oltre 5 anni di studi e pratiche.

La Dieta del Digiuno, ecco come digiunare!

2 commenti

  1. Paola

    5 mesi fa  

    Buonasera mi interessa capire come funziona la dieta del digiuno. Grazie.


    • Marco Moriglioni - La Dieta del Digiuno

      5 mesi fa  

      Ciao Paola,

      ho visto che stai ricevendo i 4 video gratuiti. Se dopo averli guardati hai altre domande, nei video ti dico anche come contattarmi.

      Buona visione.


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco